Airbnb sempre più vicina al modello OTA

29 settembre 2021
Airbnb sta sviluppando e testando un nuovo display basato su API che offre ai gestori di canale e alle piattaforme di distribuzione la possibilità di caricare più piani tariffari e permettere alle strutture (soprattutto hotel) di offrire differenti prezzi e servizi. 

Silvia Gualano, responsabile marketing di RoomCloud, (che a luglio ha iniziato ad assistere allo sviluppo del prodotto beta) afferma che i proprietari potranno definire una serie di piani tariffari – ad esempio offrendo solo pernottamento e camera con colazione – e Airbnb ne mostrerà un massimo di due, l'opzione più economica rimborsabile e l'opzione più economica non rimborsabile. 
Airbnb, sempre più vicina a diventare una OTA sfruttando l'esperienza di Booking.com punta ad aumentare il proprio inventario di strutture.

Leggi la notizia in lingua originale cliccando qui
Iscriviti alla newsletter