OVERVIEW PAESI BASSI

23 maggio 2022
Aggiornamenti e notizie dal mercato olandese e belga
Indicazioni aggiornate al 23 maggio 2022


SITUAZIONE GENERALE

  • Nei Paesi Bassi l'inflazione, attualmente al 9,6%, continua a salire. Ad aprile i prezzi di carne e verdura hanno segnato un +8,5% rispetto allo stesso mese del 2021. A destare preoccupazione al momento è però anche la mancanza di manodopera. Nel primo trimestre del 2022 la situazione si è infatti ulteriormente aggravata e ora vede 130 posti vacanti ogni 100 disoccupati.

  • Sotto il profilo sanitario si conferma la flessione dei ricoveri e, in particolare, di quelli in terapia intensiva che la scorsa settimana, per la prima volta da ottobre, sono scesi sotto le 500 unità. Nel frattempo la mascherina non è più obbligatoria né negli aeroporti né sugli aerei. Cresce invece l'apprensione per la conferma di alcuni casi di vaiolo delle scimmie nel Paese.

  • Rispetto alla campagna di immunizzazione, per la popolazione maggiorenne il quadro ora è il seguente:


    Prima dose

    78,3% 

    Seconda dose

    86,4%        

    Terza dose

    64,2%

    E´ stata avviata anche la somministrazione della quarta dose ad over60, ospiti di RSA e categorie fragili a tre mesi dall'ultima vaccinazione o dall´infezione. La copertura al momento ha raggiunto il 39,9%.

  • Dopo aver toccato i minimi storici a marzo, secondo i dati della Banca Nazionale ad aprile la fiducia delle imprese in Belgio ha segnato un rimbalzo a dispetto dell'impennata della bolletta energetica. Proprio per far fronte al caro-energia ora è al vaglio dell'esecutivo la possibilità di concedere ai consumatori tempi di pagamento più lunghi rispetto agli attuali 15 giorni.

  • Relativamente all’andamento della curva epidemiologica, nell’ultima settimana si è registrato un calo del 19% nei contagi, del 25% nei ricoveri e del 22% nei decessi. Anche l'indice Rt rimane inferiore a 1, a conferma del fatto che il virus sta circolando a ritmo molto più lento. L'uso della mascherina, non più obbligatorio sui mezzi di trasporto pubblici, resta consigliato in luoghi affollati o in strutture sanitarie, quali ad esempio RSA e studi medici. Dal 23 maggio i viaggi non essenziali fuori dall’Unione Europea non sono più vietati e sono revocate tutte le restrizioni di viaggio. 
    Tuttavia, questo non si applicherà alle persone che viaggiano da un paese con una nuova variante ad alto rischio, che devono continuare a rispettare le norme vigenti. 

    Da notare come nel Paese sia stata introdotta una quarantena obbligatoria di 21 giorni per i pazienti con vaiolo delle scimmie.

 

  • Per quanto concerne il piano vaccinale per la popolazione maggiorenne il quadro è il seguente:

 

    Prima dose   

    79,3%

    Seconda dose

    89,0%        

    Terza dose

    75,0%

     

SITUAZIONE VIAGGI E TURISMO

  • QUADRO EPIDEMIOLOGICO: (Paesi Bassi e Belgio) ulteriore flessione di contagi e ricoveri. 
  • SITUAZIONE VIAGGI: (Paesi Bassi) Dal 23 marzo per l'ingresso non è più richiesta l'esibizione di alcuna documentazione relativa a vaccinazione, guarigione o tamponi.
    Dal 20 aprile non si deve nemmeno più compilare la health declaration.
    (Belgio) Dal 23 maggio i viaggi non essenziali al di fuori dell'Unione Europea non sono più vietati. Non sono più obbligatori i test nei giorni 1 e 7 e il periodo di quarantena di 10 giorni. Decade inoltre l’obbligo di presentare il PLF e un certificato di vaccinazione, guarigione o test valido.
    Informazioni per l’ingresso disponibili al seguente link: https://www.trentinomarketing.org/it/trentino-suite/restart-riaprire-preparati-e-informati/arrivare-in-trentino-info-utili/
  • VOLI: (Paesi Bassi e Belgio) Adeguamento dei programmi di volo in base alle nuove categorie di rischio assegnate alle singole destinazioni.

Secondo il team olandese di Global Data, benché la strada da percorrere per tornare alla normalità sia ancora lunga, ci sarebbe di che essere ottimisti e la ripresa completa dovrebbe compiersi entro il 2025. A confermarlo sarebbero, tra gli altri, i dati dei passeggeri transitati a maggio dall'aeroporto di Schiphol: 2,6 milioni.

Da una recente ricerca condotta da VakantieDiscounter emerge come, nonostante l'inflazione galoppante, i risparmi degli Olandesi vengano destinati soprattutto alle vacanze. Sarebbe infatti il 55% a spenderli interamente in viaggi e il 37% ad investirne almeno una parte nelle proprie vacanze.



Flash news trasporti e Tour Operator

  • AEROPORTO DI SCHIPOL: secondo l'ANVR le misure da adottare durante la stagione estiva, discusse con la struttura aeroportuale negli ultimi incontri, sembrano andare nella direzione giusta, volta a superare gli  ingorghi inaccettabili delle scorse settimane.
  • AEROPORTO DI BRUXELLES: in aprile sono transitati dall'aeroporto oltre 1,5 milioni di passeggeri. Si tratta del miglior risultato da marzo 2020. Benché la ripresa sia evidente, il calo rispetto ad aprile 2019 resterebbe del 31%, mentre l'aumento rispetto al 2021 sarebbe del 527%. A dare il via al trend positivo sono state le vacanze di Pasqua. La top10 dei Paesi più visitati nel mese di aprile include Spagna, Italia, Germania, Portogallo, Turchia, Stati Uniti, Francia, Regno Unito, Svizzera e Grecia. Ora ci si attende un buon andamento anche in estate, nella quale - assicura la direzione - potranno esserci giornate di grande affluenza, ma non si avranno situazioni di caos come quelle vissute recentemente ad Amsterdam. 
  •  KLM è stata multata per oltre 40mila euro per essersi rifiutata di rimborsare la clientela dell'ormai fallita D-Reizen, i cui voli erano stati cancellati. I biglietti erano infatti già stati rimborsati a D-Reizen, ma il suo fallimento è avvenuto prima che il denaro venisse trasferito ai clienti. Il noto vettore ha inoltre lanciato la nuova campagna “Real Deal Days”, grazie alla quale dal 17 al 30 maggio si possono prenotare a tariffa scontata oltre 50 destinazioni in tutto il mondo.
  •  TUIFLY.BEora il TO applica un supplemento-carburante che va dai 70 agli oltre 300 euro sui propri pacchetti. Solo chi ha prenotato in anticipo usufruendo del cosiddetto Fuel Protection System risulta al riparo da rincari.
  •  TUI NL: guarda con ottimismo all'estate, in quanto ad aprile, in particolare in Germania e nei Paesi Bassi, ha registrato un boom di prenotazioni per l'estate, superando persino i livelli di aprile 2019.


    FONTE: Interface Tourism Netherlands

Paesi Bassi e Belgio
Scegli una sottovoce di menù
Iscriviti alla newsletter