OVERVIEW PAESI BASSI

14 aprile 2021
Aggiornamenti e notizie dal mercato olandese e belga
Indicazioni aggiornate al 14 aprile 2021


SITUAZIONE GENERALE

Nei Paesi Bassi a fronte di un indice di riproduzione sceso sotto il livello-soglia (Rt 0,96), la scorsa settimana si è registrato un nuovo aumento dei contagi e dei ricoveri in terapia intensiva. Ancora una volta il Paese è stato così collocato per intero al livello di rischio più alto. Durante la conferenza-stampa del 13 aprile, il Primo Ministro Mark Rutte e il Ministro della Salute Hugo de Jonge hanno annunciato che le restrizioni attualmente in vigore, la cui revoca era in origine prevista per il 21 aprile, verranno estese al 28 aprile

Fino ad allora restano quindi aperti solo i negozi di beni essenziali, i parrucchieri, gli asili, nonché le scuole primarie e secondarie, mentre prosegue la chiusura di bar e ristoranti, cinema e teatri, musei e gallerie, università e strutture sportive al coperto. 

Sul fronte vaccinale, la campagna di immunizzazione alla data del 4 aprile contava oltre 2,8 milioni di dosi somministrate, di cui oltre 2 milioni prime dosi (12% della popolazione) e 806.424 seconde dosi, facendo salire la percentuale dei cittadini olandesi completamente vaccinati al 4,71%.
Su indicazione delle autorità sanitarie nazionali, dal 6 aprile è iniziata l’inoculazione anche alla fascia di età dai 70 ai 74 anni. Secondo le stime attuali, che vedono un Olandese vaccinato ogni 0,9 secondi, nel mese di luglio tutte le persone sopra i 18 anni di età che lo desiderano avranno ricevuto almeno la prima dose di vaccino.

Anche in Belgio, dove nelle ultime due settimane si è assistito all’aumento dei ricoveri, dei decessi e del tasso di positività, restano confermate fino al 25 aprile le misure in essere. Proseguono quindi il coprifuoco notturno, la chiusura di bar e ristoranti, di scuole primarie e secondarie, dei negozi di beni non essenziali, nonché di parrucchieri ed estetisti. 

 Per quanto concerne la campagna vaccinale, alla data dell’11 aprile risultavano somministrate oltre 2,5 milioni di dosi, di cui oltre 1,8 milioni costituivano prime dosi (16,24% della popolazione) e 621.653 seconde dosi. Ad essere già immunizzato al momento è pertanto il 5,36% dei Belgi.

 

SITUAZIONE VIAGGI E TURISMO

 

  • QUADRO EPIDEMIOLOGICO: (Paesi Bassi) Proroga delle misure restrittive fino al 28 aprile; (Belgio) estensione delle  restrizioni in essere fino al 25 aprile.
  • SITUAZIONE TURISMO(Paesi Bassi) Chiunque arrivi per via aerea o marittima da aree ad alto rischio (le attuali uniche eccezione nello spazio Schengen sono costituite da Islanda e Portogallo) deve produrre il risultato negativo di un test rapido eseguito non più di quattro ore prima dell'imbarco. Questo requisito si aggiunge all'obbligo vigente di produrre il risultato negativo di un test PCR eseguito non più di 72 ore prima dell'arrivo nei Paesi Bassi. All'arrivo i viaggiatori devono inoltre effettuare 10 giorni di quarantena che possono ridursi a 5 in caso di ulteriore test PCR negativo effettuato a partire dal 5° giorno.
    L’Italia in base all’ordinanza 2 aprile 2021 del Ministro della Salute ha prorogato fino al 30 aprile le limitazioni disposte per coloro che abbiano soggiornato o transitato nei quattordici giorni antecedenti in uno Stato dell’elenco C (nel quale figurano anche i Paesi Bassi), richiedendo loro di presentare l’esito negativo di un tampone (molecolare o antigenico) effettuato nelle 48 ore prima dell’arrivo, di osservare a prescindere dall’esito del test molecolare o antigenico la quarantena per un periodo di cinque giorni e, al termine dei cinque giorni, di sottoporsi ad ulteriore test.

    (Belgio) ogni spostamento non essenziale da e per il Belgio resta vietato. I residenti, laddove autorizzati a spostarsi, in rientro da un Paese UE/Schengen ritenuto ad alto rischio (“rosso”) sono tenuti a compilare un formulario online 48 ore prima dell’arrivo, a sottoporsi a test il primo giorno e ad osservare la quarantena fino all'effettuazione di un nuovo test a partire dal settimo giorno.
    Tutti i Paesi dell'UE e dell'area Schengen, compresa l’Italia, sono considerati “rossi”, ad eccezione di singole aree ritenute invece “arancioni” (a rischio cioè moderato) come avviene anche nel caso della Sardegna.
    Per l’ingresso in Italia vedi Paesi Bassi.
  • VOLI(Paesi Bassi) E´ stato revocato il divieto di volo dal Regno Unito, mentre resta in vigore quello dal Sudafrica e da diversi Paesi dell’America Centrale e del Sud. I voli verso le zone “arancioni”, ovvero verso gli altri Paesi europei considerati tutti tali, continuano ad essere operati.
    (Belgio) Brussels Airlines opera voli su Milano con orario ridotto; Ryanair mantiene il collegamento Roma-Fiumicino da Zaventem. Negli aeroporti sono confermati l’obbligo di mascherina e il controllo della temperatura. Al momento dell'imbarco le compagnie aeree richiedono la compilazione di un modulo sul quale si dichiara di non essere positivi al covid, né di aver avuto contatti con persone positive nei 14 giorni precedenti.
     

Nei
Paesi Bassi il governo ribadisce la raccomandazione ufficiale di non recarsi all’estero, tranne che in casi di assoluta necessità, fino al 15 maggio compreso.  
Ad aprile sono iniziati i test per i viaggi all’estero. Attualmente è in corso una vacanza di prova a Rodi e ad inizio maggio ci sarà un test holiday verso Gran Canaria.

Anche per i cittadini Belgio è confermato il divieto ufficiale di raggiungere l’estero per motivi di turismo o svago fino al 25 aprile.




Flash news trasporti e Tour Operator

  • DE JONG INTRA ha siglato una collaborazione con Sunny Cars, grazie alla quale quest’ultima è incaricata del servizio di noleggio-auto per le varie destinazioni offerte dal noto TO olandese. Tutti i viaggi fly-drive ora includono un'auto a noleggio di Sunny Cars, come previsto dalla formula all-in
  • TRANSAVIA: I dipendenti della compagnia aerea, in particolare steward e hostess, supporteranno la campagna nazionale di vaccinazione prestando il loro aiuto quali assistenti amministrativi in 25 siti vaccinali olandesi.
  • CORENDON: La prossima estate il vettore opererà voli verso otto destinazioni dall'aeroporto di Maastricht Aachen. I collegamenti riguarderanno le isole greche di Kos, Creta, Rodi e Zakynthos, la Bulgaria, l’Egitto e le località turche di Bodrum e Antalya. 
  • KLM - AIR FRANCE: la holding franco-olandese, fortemente colpita dalla pandemia, riceverà un sostegno finanziario da parte del governo francese nella misura di quattro miliardi di euro, come confermato dal commissario UE per la concorrenza Margrethe Vestager.


    FONTE: Interface Tourism Netherlands
Paesi Bassi e Belgio
Scegli una sottovoce di menù
Iscriviti alla newsletter