Ricerca Nel Sito
  1. Home page -
  2. T-Suite -
  3. INSIGHTS MERCATI -
  4. POLONIA -
  5. PANORAMICA GENERALE POLONIA

NOTIZIE DAL MERCATO POLACCO

Indicazioni aggiornate al 6 febbraio 2024

A dicembre i prezzi dei beni e dei servizi al consumo segnavano una crescita del 6,2% su base annuale e dello 0,1% su base mensile. L’aumento dei prezzi dei beni di consumo e dei servizi nel 2023 rispetto all’anno precedente è stato pari all’11,4%.

Nello stesso mese, secondo l'Ufficio centrale di statistica, lo stipendio medio mensile in Polonia ammontava a 8.032,96 zloty, circa 1.825 euro. Il dato segna un aumento del 9,6% rispetto all'anno precedente.

Secondo gli economisti, nel 2024 l'economia polacca crescerà del 3,5%, sulla spinta iniziale dei consumi e, successivamente, delle esportazioni e degli investimenti. L'anno continuerà a essere segnato da tensioni geopolitiche e dagli effetti del cambiamento climatico.

Migliorano, dopo il leggero calo di dicembre, gli indici del sentimento attuale e futuro dei consumatori che toccano i livelli più alti da quasi quattro anni. Dietro a questo trend ci sono fattori come il calo dell'inflazione, gli aumenti salariali e un mercato del lavoro ancora molto forte.

Prima dose

60,7%

Seconda dose

60%

Terza dose

38,4%

➤ Un sondaggio realizzato dall’istituto GfK e dal portale di prenotazione voli eSky.pl. rivela che, insieme al Regno Unito, l’Italia è stata una delle mete più gettonate dai turisti polacchi che hanno voluto concedersi una piccola vacanza in una città straniera. Nel 2023, l’83% dei viaggiatori intervistati ha scelto un city break prenotando autonomamente. Il 41% di loro ha visitato l’Italia durante un breve viaggio durato dai due ai quattro giorni. Particolarmente apprezzate Roma, Milano, Venezia, Bari, Bologna e Napoli.

Secondo un sondaggio della piattaforma rankomat.pl, meno della metà dei polacchi (46%) trascorrerà le vacanze del 2024 a casa (rispetto al 57% nel 2023). Il 13% degli intervistati intende recarsi quest’anno sulle montagne polacche, il 5% prevede un viaggio nei paesi caldi, mentre il 3% trascorrerà le vacanze invernali nelle località montane estere. Tuttavia, un intervistato su cinque non aveva piani specifici per le vacanze al momento dello studio (dicembre 2023).

➤  Secondo TravelPlanet (la seconda OTA polacca), i viaggi invernali di quest'anno saranno in media leggermente più economici rispetto a quelli dell'anno scorso, basandosi sulle offerte dei principali tour operator. Il costo medio di una vacanza prenotata a partire dal 7 gennaio è di 750€ a persona, ma nelle dieci destinazioni più popolari, inclusa l'Italia, è più alto ed ammonta a 820€. Le vacanze dell’anno scorso erano ancora più costose: il costo medio delle prime 10 destinazioni ha superato 890€. Le TOP 10 destinazioni principalmente scelte dai clienti di OTA sono Egitto, Isole Canarie, Malta, Cipro, Spagna, Turchia, Emirati Arabi Uniti, Italia, Zanzibar, Thailandia. Le vacanze sugli sci rappresentano il 6% di tutte le prenotazioni. Tradizionalmente, l'Italia è considerata la meta preferita e presenta attualmente un costo medio di 430 euro per persona. Gli sciatori polacchi tendono a recarsi sulle Alpi a dicembre e a gennaio così come nella seconda metà di marzo, quando costi di soggiorno sono molto più bassi.

✉  AGENZIE DI VIAGGIO: Le offerte di vacanze sugli sci per la stagione invernale 2023/2024 compaiono tra le proposte delle agenzie di viaggio, soprattutto quelle più piccole e  specializzate su vacanze attive. Tra i principali tour operator, invece, prevale ancora la promozione di destinazioni esotiche, mentre le offerte invernali e sciistiche sono limitate. Attualmente vengono offerte soprattutto politiche di cambio flessibili e sconti (ad es. skipass gratuito).

✉ RAINBOW: Il tour operator e Enter Air, una compagnia aerea charter polacca, hanno firmato un accordo di noleggio aerei relativo alla stagione estiva 2024 e invernale 2024/2025. Il valore stimato dei servizi in questo periodo raggiungerà 90,4 milioni di dollari, il valore più alto nella storia della loro collaborazione.

✉ ITAKA: L'agenzia ha iniziato un'intensa attività di promozione dei viaggi sciistici in Italia e in particolare nelle Dolomiti.

✈ AEROPORTO DI VARSAVIA CHOPIN: L'anno scorso, i risultati ottenuti dall'aeroporto hanno superato notevolmente le previsioni: 18,5 milioni di passeggeri contro i 15 milioni attesi. Il traffico è sostanzialmente tornato ai livelli pre-pandemia. Il miglior mese in termini di numero di persone registrate è stato luglio (1.935.714), mentre il peggiore è stato febbraio (1.119.953).

✈ AEROPORTO DI KATOWICE: Nel 2023 l'aeroporto ha servito il maggior numero di passeggeri della sua storia: 5,6 milioni ovvero il 27% in più rispetto al 2022 e il 16% in più nel confronto con il 2019. I charter commissionati dalle agenzie di viaggio hanno contribuito al 47% del traffico.

✈ AEROPORTO DI CRACOVIA: Lo scorso anno l'aeroporto di Cracovia ha servito 9,4 milioni di passeggeri, il 27% in più rispetto al 2022. Nel 2024, lo scalo prevede di superare i 10 milioni di passeggeri.

AEROPORTO DI GDANSK: L’anno passato lo scalo di Danzica ha gestito 5,9 milioni di passeggeri con una crescita del 29% su base annuale e del 4% sul 2019. L’incremento è stato registrato anche nel segmento charter con 431.000 viaggiatori, ovvero il 17% in più rispetto al 2022 e il 4% in più sul 2019.

✈LOT: La compagnia collega Varsavia con Milano Malpensa (16 volte a settimana) e Venezia (14 volte).

✈RYANAIR: La compagnia low cost unisce ogni settimana l’aeroporto di Bergamo con Varsavia (6 volte), Cracovia (9 volte), Poznan (3 volte), Wroclaw (3 volte), Gdansk (3 volte), Katowice (7 volte), Łódź (2 volte) e Lublin (2 volte). Nove i collegamenti settimanali con Treviso (3 da Varsavia, 2 da Cracovia, 2 da Poznan e 2 da Gdansk). Quattro quelli da Wroclaw con Venezia Marco Polo. Nove quelli con Bologna: 3 da Varsavia, 2 da Cracovia, 2 da Wroclaw e 2 da Katowice (su Forlì). Da metà marzo previsti anche voli per Torino da Cracovia e da Wroclaw. Alla fine dello stesso mese via al collegamento tra Katowice e Treviso.

✈WIZZ AIR: La compagnia low cost unisce ogni settimana Varsavia con Bergamo (7 volte), Bologna (3 volte), Verona (2 volte), Venezia (2 volte) e Torino (1 volta). Previsto inoltre il collegamento Milano Malpensa - Cracovia 5 volte a settimana. Disponibili collegamenti con Verona da Gdansk e Poznan (un volo a settimana per ciascuno dei due scali).

✈SINDBAD: La compagnia copre due volte a settimana la tratta Italia-Polonia in bus. Tra le città servite in Italia ci sono Bergamo, Bologna, Bolzano, Brescia, Milano, Trento e Verona.

FONTE: Travel Advance