Ricerca Nel Sito
  1. Home page -
  2. T-Suite -
  3. INSIGHTS MERCATI -
  4. NUOVI TREND & NEW GUEST GENERATION

NUOVI TREND & NEW GUEST GENERATION

Le dinamiche socio-politiche ed economiche possono influenzare il settore turistico generando cambiamenti di comportamento. Di conseguenza, bisogna adattare le proprie strategie aziendali, e a volte ripensare all'offerta.

 

Il panorama attuale è caratterizzato dall'emergere di continue nuove esigenze che guidano le tendenze di consumo, occorre pertanto osservarle e valutare come e se sfruttare le opportunità che presentano.


Il report annuale "Top Global Consumer Trends 2024" di Euromonitor International, offre spunti e indicazioni utili per comprendere questi fenomeni:

Di seguito, presentiamo alcuni spunti, news e suggerimenti volti a ispirare e allineare il proprio business rispetto le tendenze in sintonia con le strategie territoriali.

I trend per il Trentino:

Risultati (18)
Prenotazioni dirette: un trend in crescita
13 feb 2024
Prenotazioni dirette: un trend in crescita
Il ruolo delle prenotazioni dirette online è in constante crescita, come riportato dallo studio condotto da H2c nel 2023.Il rapporto evidenzia un aumento significativo delle prenotazioni dirette - quasi il +50% nel 2023 rispetto al 2022 - e un'abilità crescente nel utilizzare i dati dei clienti per favorire programmi di fedeltà. Tuttavia, nonostante progressi evidenti, la valutazione media della digitalizzazione degli hotel rimane moderata.Il risultato è dovuto in parte alla presenza di: Contenuti di alto livello sui siti web Offerta di programmi fedeltà Attenzione verso il cliente tramite l'implementazione di sistemi intelligenti e flessibili Inoltre, sono state individuate ottime opportunità di crescita dei ricavi grazie a promozioni automatizzate di vendite accessorie - verificate più frequentemente durante la prenotazione (78%) o nelle email pre-stay (67%) o al check-in (65%).Lo studio analizza anche gli ostacoli principali come: i costi elevati per l'adozione di nuove tecnologie, limiti nell'integrazione dei sistemi gestionali (PMS) - in crescita con il 91% di strutture integrate rispetto al 55% del 2017, le sfide legate alla formazione del personale, alla funzionalità del software e alla carenza di personale.Sebbene i risultati derivano principalmente da catene alberghiere, potrebbero riflettere le prospettive anche degli hotel indipendenti, ponendo l'attenzione su trend promettenti. Per questo è essenziale che le strutture incoraggino attivamente tale trasformazione.Leggi l'articolo completo su Booking BlogScarica il Report di H2c: Digital Hotel Operations
Greenwashing: nuove norme contro le dichiarazioni ingannevoli
29 gennaio 2024
Greenwashing: nuove norme contro le dichiarazioni ingannevoli
L'Europa attraverso la direttiva europea "Green Claims" prosegue con azioni contro le pratiche commerciali sleali, conosciute comunemente come greenwashing, delineando la propria posizione su nuove norme volte a migliorare l'etichettatura e la durabilità dei prodotti e porre fine alle dichiarazioni ingannevoli.L'obiettivo principale è quello di guidare i consumatori verso scelte più consapevoli e incentivare le aziende a offrire prodotti più durevoli e sostenibili.Le norme proposte includono: Divieto di pubblicità ingannevole e dichiarazioni ambientali generiche; come "rispettoso dell'ambiente", "naturale", "biodegradabile", "neutrale dal punto di vista climatico" o "ecologico" se non sono accompagnate da prove dettagliate. Lotta contro l'obsolescenza precoce; per mettere in evidenza i prodotti di qualità e motivare le aziende a concentrarsi di più sulla durabilità. Rafforzamento di schemi di certificazione marchi sostenibili; saranno ammesse solo le dichiarazioni ecologiche verificate e certificate. Dopo l'adozione del mandato negoziale, il Parlamento e gli Stati membri inizieranno a definire la formulazione definitiva della direttiva, che fa parte del primo pacchetto sull'economia circolare.La legislazione risponde alle aspettative dei cittadini in termini di consumo sostenibile, imballaggi, produzione, crescita e innovazione, conforme alle conclusioni della Conferenza sul futuro dell'Europa.Per approfondire l'argomentowww.europarl.europa.euwww.repubblica.it
Viaggi 2024: i principali trend
8 gennaio 2024
Viaggi 2024: i principali trend
Il 2024 si prospetta come un anno entusiasmante per l'industria dei viaggi, segnato dalla rapida adozione dell'intelligenza artificiale generativa e dalla crescente richiesta di esperienze di viaggio uniche.Phocuswire ha raccolto le opinioni di alcuni esperti sui principali trend che influenzeranno i cambiamenti dell'intero settore, lasciando spazio a possibili e inaspettate sorprese. Di seguito una sintesi di alcune delle dichiarazioni raggruppate per tematiche: Intelligenza artificiale Christine Wang, CEO di Lufthansa Innovation Hub GmbH, prevede che nel 2024 l'intelligenza artificiale generativa avrà un impatto significativo nei viaggi, soprattutto per la pianificazione di itinerari, l'assistenza clienti e la verifica delle recensioni false.Amit Saberwal, CEO di RedDoorz, sottolinea la necessità di integrazione dell'IA e avanzamenti digitali nel settore alberghiero, con una diversificazione maggiore per l'abilitazione tecnologica. Processi di viaggio modernizzati: dalla pianificazione ai pagamenti Dana Dunne, CEO di eDreams ODIGEO, evidenzia che piattaforme come TikTok influenzano sempre più le preferenze di viaggio attraverso video brevi e favoriscono la scoperta di nuove destinazioni. Sostenibilità Kenneth Purcell di iSeatz prevede un +71% di consumatori che intende viaggiare rispetto al 2023 e un'attenzione rinnovata alla sostenibilità, con il 54% dei consumatori che pianifica viaggi più responsabili.Johnny Thorsen di Spotnana prevede azioni concrete per i viaggi sostenibili, con l'introduzione di modelli di "tassa sul carbonio" come requisito obbligatorio per circa 50.000 azienda e un maggiore focus sulla scelta delle opzioni di viaggio più ecologiche. Viaggi/esperienze personalizzate Nils Chrestin di GetYourGuide prevede che i consumatori si orienteranno verso piattaforme digitali affidabili per scoprire luoghi, cercando contenuti di influencer fidati e recensioni verificate con opzioni più flessibile nel caso cambino i loro piani.Colin Smyth di Flywire indica un aumento della richiesta di viaggi personalizzati e coinvolgenti, con i consumatori che privilegiano esperienze uniche. L'89% dei fornitori rileva un aumento della domanda di viaggi esperienziali, in particolare per Italia (92%) e Australia (92%). Distribuzione Cara Whitehill, fondatrice di Unlock Advisors, prevede uno spostamento di focus che passerà dai grandi GDS (sistemi di prenotazione dei biglietti aerei), intermediari TMC (travel management company) e OTA verso fornitori e acquirenti che adottano innovazioni tecnologiche come NDC (nuovo standard dell’industria travel ), intelligenza artificiale, ristrutturazione dei programmi fedeltà, commercio sociale e fintech. Bleisure Charlene Leiss, presidente del Flight Center Travel Group Americas, prevede che nel 2024 la ripresa dei viaggi d'affari continuerà anticipando un'ulteriore crescita della tendenza "bleisure" specificando come i viaggiatori cerchino di favorire il loro benessere e assumere il controllo del proprio programma di viaggio.Approfondisci l’argomento e leggi tutte le dichiarazioni riportate nell’articolo.Fonte: PhocusWireL'immagine news è stata generata con IA
ECT svela le intenzioni di viaggio Ottobre 2023-Marzo 2024
30 novembre 2023
ECT svela le intenzioni di viaggio Ottobre 2023-Marzo 2024
La Commissione Europea del Turismo (ECT) ha pubblicato recentemente i dati del report "Monitoring sentiment for domestic and intra European travel," che analizza le intenzioni di viaggio degli europei per il periodo ottobre 2023-marzo 2024. L'indagine rivela che il 68% degli intervistati ha pianificato viaggi nei prossimi 6 mesi, con Spagna e Italia in testa (75%), seguite da Regno Unito e Polonia (73%). Circa le destinazioni, il 32% prevede di visitare un paese vicino, mentre il 28% opta per un paese europeo non confinante. I viaggi per piacere costituiscono il 69% del campione, mentre quelli per visitare familiari e amici rappresentano il 15%. Si osserva un aumento (8%) di coloro che pianificano viaggi di lavoro, con un incremento del 3% rispetto all'anno precedente. Nonostante l'aereo rimanga il mezzo di trasporto preferito, si nota un aumento significativo nell'uso di treni o autobus (17%), con un incremento del 5% rispetto all'anno precedente, mentre l'auto è scelta dal 25% degli intervistati, registrando una diminuzione del 7% rispetto all'anno precedente. Tra i motivi che influenzano le intenzioni di viaggio, spiccano l'inflazione (22%), le finanze personali (16%) e gli eventi meteorologici estremi (14%). Inoltre, si registra un cambiamento nei budget delle vacanze, con una diminuzione del 9% nella quota di coloro che prevedono di spendere fino a 1.000€ (44%) rispetto all'anno precedente, e un aumento del 7% nella quota di coloro che hanno un budget superiore a 1.500€ (34%).Scarica il reportFonte: European Travel Commission
1 2 3