VACANZE SICURE

Per un soggiorno sereno e senza preoccupazioni

Il Trentino rientra in Zona Bianca, per cui è consentito muoversi senza limiti relativi agli orari o ai motivi dello spostamento sia all’interno del Trentino che verso altre località italiane in zona bianca.

Chiunque entri in Italia dall’estero, indipendentemente dalla provenienza, è tenuto a compilare un modulo di localizzazione digitale (EU Digital Passenger Locator Form). A seconda del paese da cui si arriva, invece, è necessario presentare una documentazione differente. Per approfondimenti ti invitiamo a consultare le specifiche riportate qui di seguito, dove trovi tutti i dettagli.

Dal 6 dicembre 2021 e fino al 15 gennaio 2022 è previsto anche in zona bianca l’obbligo di Super Green Pass (o Green Pass rafforzato) per lo svolgimento di attività prima non soggette alle nuove restrizioni.

Attenzione: a causa dell'attuale situazione in continua evoluzione, possono subentrare cambiamenti normativi improvvisi con conseguente allentamento o irrigidimento dei provvedimenti. Questa pagina e le relative sezioni verranno costantemente aggiornate.

Ultimo aggiornamento: 02 dicembre 2021

Chi può entrare in Trentino e come

Posso raggiungere il Trentino liberamente, se provengo da un’altra regione italiana?
Il Trentino rientra in Zona Bianca e sono quindi consentiti gli spostamenti, senza limiti relativi agli orari o ai motivi, verso altre località della zona bianca.
Verso località della zona gialla, sono consentiti gli spostamenti senza doverne giustificare il motivo, nel rispetto delle specifiche restrizioni di orario previste per la zona gialla e di quelle relative agli spostamenti verso le altre abitazioni private abitate.
 

Cosa devo fare se voglio raggiungere il Trentino dall’estero?
Chiunque entri in Italia, indipendentemente dalla provenienza è tenuto a compilare un modulo di localizzazione digitale (EU Digital Passenger Locator Form), che sostituisce l'autodichiarazione.
Inoltre

  • Chiunque provenga o abbia soggiornato in uno dei Paesi della lista C potrà entrare in Italia presentando la certificazione verde COVID-19, da cui risulti:
    - che si è completato il ciclo vaccinale anti-SARS-CoV-2;
    - o che si è guariti dal COVID da non più di 6 mesi;
    - o di essersi sottoposti a tampone molecolare o antigenico, con esito negativo, nelle 48 ore antecedenti l'ingresso nel territorio italiano (i minori sotto i 6 anni sono esentati dall'effettuare il tampone)
     
  • Per tutti coloro che, nei 14 giorni antecedenti all’ingresso in Italia, hanno soggiornato o transitato in Canada, Giappone, Stati Uniti la normativa prevede che al rientro in Italia sia obbligatorio presentare questi documenti, rilasciati dalla competente autorità sanitaria del Paese di provenienza:
    - che si è completato il ciclo vaccinale anti-SARS-CoV-2 o che si è guariti dal COVID;
    - di essersi sottoposti a tampone molecolare o antigenico, con esito negativo, nelle 72 ore antecedenti l'ingresso nel territorio italiano (i minori sotto i 6 anni sono esentati dall'effettuare il tampone)
     
  • Per chiunque provenga da uno degli Stati compresi nell'elenco D l’ingresso in Italia è consentito solo:
    - presentando la certificazione verde COVID-19 o certificato equivalente, validato dall'EMA, che attesti il completamento del ciclo vaccinale (2 dosi o 1 dose solo nel caso di Johnson & Johnson). Solo per le persone che hanno soggiornato o transitato in Canada, Giappone e Stati Uniti d'America nei 14 giorni antecedenti all'ingresso in Italia è valida anche la certificazione verde COVID-19 attestante l'avvenuta guarigione.
    - presentando la certificazione che attesti di essersi sottoporsi a test molecolare o antigenico, effettuato a mezzo di tampone, nelle 72 ore antecedenti all'ingresso nel territorio italiano (anche per chi si è già sottoposto a ciclo di vaccinazione o presenta certificato di guarigione). Nel caso di ingressi da Regno Unito e Irlanda del Nord e dalle isole, il termine è ridotto a 48 ore dall'ingresso in Italia.
     
    INGRESSO DI MINORI

    Oltre a eventuali casi di deroga espressamente previsti dalla normativa: 

    Test molecolare o antigenico:
    - Da 0 a 5 anni (quindi fino a 6 anni non compiuti): sempre esentati dall’effettuazione del test molecolare o antigenico.
    - Da 6 a 17 anni (quindi 18 anni non compiuti): tampone obbligatorio, se previsto dalla normativa applicabile in base alla storia di viaggio nei 14 giorni precedenti l’ingresso in Italia.

    Isolamento:
    - Da 0 a 5 anni (quindi fino a 6 anni non compiuti): sempre esentati dall’isolamento se viaggiano con genitore a sua volta esentato dall’isolamento perché in possesso di certificato di vaccinazione (o di un certificato di guarigione, se riconosciuto dalla normativa applicabile in base alla storia di viaggio dei 14 giorni precedenti).
    - Da 6 a 17 anni (quindi 18 anni non compiuti), sono esentati dall’isolamento se accompagnati da genitore con adeguata certificazione vaccinale o di guarigione (se ciò è previsto dalla normativa applicabile in base alla storia di viaggio nei 14 giorni precedenti). Tuttavia, ove richiesto dalla normativa, devono sottoporsi a test molecolare o antigenico. In assenza di test, anche se il genitore possiede adeguata certificazione, il minore è comunque tenuto all’isolamento (art. 8 comma 3 Ordinanza 22 ottobre 2021).
    - I gruppi scolastici che dal Regno Unito entrano in Italia accompagnati solo dal docente e con una singola dose di vaccino, non sono esentati dall'isolamento fiduciario.
    In caso di mancata presentazione contestuale di entrambi i documenti richiesti, è fatto obbligo di sottoporsi ad un periodo di isolamento fiduciario di 5 giorni e di effettuare un tampone molecolare o antigenico alla fine di tale periodo.

  • Per chiunque provenga da uno degli Stati compresi nell'elenco E, l’ingresso in Italia è consentito solo alla presentazione di un tampone negativo effettuato nelle 72 ore precedenti (vale anche per chi si è già sottoposto a ciclo di vaccinazione o presenta certificato di guarigione), seguito da un isolamento fiduciario di 10 giorni al termine del quale è obbligatorio effettuare un successivo test. Da questi Paesi non è possibile entrare in Italia per motivi di turismo.
  • Fino al 15 dicembre 2021 sono vietati l’ingresso e il transito nel territorio nazionale alle persone che nei quattordici giorni antecedenti hanno soggiornato o transitato in Sudafrica, Lesotho, Botswana, Zimbabwe, Malawi, Mozambico, Namibia, Eswatini. Eccezione viene fatta per i cittadini italiani che hanno la residenza anagrafica in Italia da data anteriore alla presente ordinanza.

 

Per informazioni più esaustive, deroghe o eccezioni, rimandiamo al sito Viaggiare Sicuri e alla compilazione del questionario interattivo che può aiutare nell’individuazione della propria posizione specifica.

Vaccinazione Covid-19 per i turisti

I turisti possono fare il vaccino Covid-19 in Trentino?
I turisti che soggiornano in Trentino e desiderano fare il vaccino qui, possono prenotare sul Cup online (Centro Unico Prenotazioni del Trentino):

  • il ciclo vaccinale completo (per i turisti dai 18 anni in su che si fermano in Trentino per almeno tre/quattro settimane)
  • soltanto la seconda dose (per i turisti che hanno già ricevuto la 1° dose in altra regione e alloggiano in Trentino per più di 14 gg)     
Green Pass Rafforzato e Green Pass Base

Che cos’è la Certificazione verde COVID-19 (Green Pass)?
La Certificazione verde COVID-19 nasce per facilitare la libera circolazione in sicurezza dei cittadini nell'Unione europea durante la pandemia di COVID-19.

A partire dal 6 dicembre, in Italia, entrerà in vigore il Decreto per il Green Pass Rafforzato che stabilisce una differenziazione tra Green Pass Rafforzato e Green Pass Base.

>Il Green Pass Rafforzato attesta una delle seguenti condizioni:

  • aver fatto la vaccinazione anti COVID-19

oppure

  • esser guariti dal COVID-19 negli ultimi sei mesi

 

>Il Green Pass Base attesta invece una delle seguenti condizioni:

  • aver fatto la vaccinazione anti COVID-19

oppure

  • esser guariti dal COVID-19 negli ultimi sei mesi
oppure
  • di esser risultati negativi al test antigenico rapido nelle ultime 48 ore o al test molecolare nelle ultime 72 ore


Entrambe le certificazioni contengono un QR Code che permette di verificarne l’autenticità e la validità.

La Commissione europea ha creato una piattaforma comune (Gateway europeo) per garantire che i certificati emessi dagli Stati europei possano essere verificati in tutti i Paesi dell’UE. In Italia la Certificazione viene emessa esclusivamente attraverso la Piattaforma nazionale del Ministero della Salute in formato sia digitale sia cartaceo.

Per approfondimenti ti consigliamo di consultare il sito: https://www.dgc.gov.it/web/
 
Come si ottiene il Green Pass Rafforzato?

La Certificazione verde COVID-19 viene generata in automatico e messa a disposizione gratuitamente nei seguenti casi:

  1. aver effettuato la prima dose
  2. aver completato il ciclo vaccinale
  3. essere guariti da COVID-19 nei 6 mesi precedenti.


Come si ottiene il Green Pass Base?
La Certificazione verde COVID-19 viene generata in automatico e messa a disposizione gratuitamente nei seguenti casi:

  1. esser vaccinati, a ogni dose di vaccino viene rilasciata una nuova certificazione
  2. essere guariti da COVID-19 nei 6 mesi precedenti
  3. esser risultati negativi al test antigenico rapido nelle ultime 48 ore o al test molecolare nelle ultime 72 ore


Per approfondimenti ti consigliamo di consultare il sito: https://www.dgc.gov.it/web/
 
In quali casi verrà richiesto il Super Green Pass?
Il nuovo Certificato verde serve per accedere ad attività che altrimenti sarebbero oggetto di restrizioni in zona gialla nei seguenti ambiti:

  • Spettacoli
  • Eventi sportivi
  • Ristorazione al chiuso
  • Musei, cinema, teatri, sale concerto, live club, gallerie, biblioteche e altri luoghi di cultura
  • Feste e discoteche
  • Cerimonie pubbliche


Dal 6 dicembre 2021 e fino al 15 gennaio 2022 è previsto che il Green Pass Rafforzato per lo svolgimento delle attività, che altrimenti sarebbero oggetto di restrizioni in zona gialla, debba essere utilizzato anche in zona bianca.

Per approfondimenti ti consigliamo di consultare il sito: https://www.dgc.gov.it/web/
 
In quali casi sarà sufficiente esibire il Green Pass Base?

  • Soggiorno in tutte le strutture ricettive
  • Spogliatoi per l'attività sportiva
  • Palestre, piscine e circoli sportivi
  • Impianti 'chiusi', ovvero funivie, cabinovie e seggiovie, queste ultime qualora utilizzate con la chiusura delle cupole paravento
  • Trasporto ferroviario (nazionale, regionale ed alta velocità), trasporto pubblico locale (autobus, pullman e metropolitane)
  • Sagre e fiere e mercatini di Natale

Per approfondimenti ti consigliamo di consultare il sito: https://www.dgc.gov.it/web/

I bambini sono esenti dal presentare il Green Pass, per accedere ad attività e servizi per i quali è previsto il Green Pass?

Sono esenti i bambini sotto i 12 anni.

Per approfondimenti ti consigliamo di consultare il sito: https://www.dgc.gov.it/web/

Test e tamponi

Dove posso effettuare il Test Covid-19 in Trentino?

  • Nelle farmacie e nei Covid-19 Test Centers elencati qui (elenco suddiviso per località) è possibile effettuare test rapidi antigenici sia come prestazione a pagamento per tutti i cittadini o i turisti che necessitano dell'esito del test per motivi di lavoro, viaggio, Green Pass, ecc., sia su prescrizione medica a carico del Servizio Sanitario provinciale.

  • Per informazioni in merito all’effettuazione del tampone è possibile chiamare il Ministero della Salute ai seguenti numeri:
    dall’estero: +39 0232008345 - +39 0283905385
    dall’Italia: numero gratuito 1500
     
  • In Trentino inoltre è stato istituito un numero verde 800 867 388 attivo dalle 8 alle 18 dal lunedì al venerdì, festivi esclusi, per le richieste sui provvedimenti in vigore, i protocolli, gli spostamenti e le procedure su tamponi, isolamenti e quarantene.
Dormire e mangiare in Trentino
Per soggiornare in Trentino è necessario il Green Pass?
No, fino al 5 dicembre non sarà necessario esibire il Green Pass attualmente in vigore. A partire dal 6 dicembre, per soggiornare in tutte le strutture ricettive del Trentino sarà sufficiente esibire il Green Pass Base per il pernotto e per accedere ai servizi di ristorazione offerti dalla struttura esclusivamente per la propria clientela. Qualora il ristorante della struttura preveda anche clienti esterni, sarà richiesto il Green Pass Rafforzato.

È possibile il pernotto nelle strutture ricettive alberghiere ed extralberghiere, negli agriturismi, negli appartamenti privati e nelle strutture turistico-ricettive all’aria aperta, come anche nei rifugi alpini ed escursionistici e negli ostelli della gioventù nel rispetto dei protocolli specifici.


È necessario il Green Pass per accedere a bar e ristoranti?
Si, fino al 5 dicembre sarà necessario esibire il Green Pass attualmente in vigore. A partire dal 6 dicembre sarà richiesto il Green Pass Rafforzato per il consumo ai tavoli al chiuso.

Tutte le attività di ristorazione sono aperte nel rispetto del distanziamento, della capienza massima consentita, in base alle caratteristiche del locale e senza limiti orari. Non vi è nessun tetto massimo per il numero di commensali, sia per i tavoli all’esterno che all'interno.

Sono previste restrizioni per la vendita con asporto di cibi e bevande?
Sono consentite senza restrizioni anche la vendita con asporto di cibi e bevande e la consegna a domicilio, che deve comunque avvenire nel rispetto delle norme sul confezionamento e sulla consegna dei prodotti. 
Sci e Impianti di risalita

Quali sono le regole di accesso agli impianti?
Le regole per l’accesso agli impianti per la prossima stagione invernale prevedono:

  • il possesso del Green Pass Base per gli impianti 'chiusi', ovvero funivie, cabinovie e seggiovie, queste ultime qualora utilizzate con la chiusura delle cupole paravento

  • il mantenimento del distanziamento interpersonale di almeno 1 metro nei percorsi di accesso e uscita

  •  l’utilizzo della mascherina chirurgica o superiore (FFP2) negli spazi comuni e durante il trasporto sugli impianti

La portata degli impianti sarà al 100% per le seggiovie, all’80% per funivie, cabinovie e seggiovie utilizzate con la chiusura delle cupole paravento.

Posso acquistare lo skipass online?
Per evitare code e assembramenti, questa stagione si è lavorato per ampliare e semplificare l’acquisto di skipass e stagionali online. Inoltre abbiamo pensato a nuove modalità per ritirare lo skipass che eviteranno di passare da casse e uffici skipass, come ad esempio il ritiro diretto dello skipass in hotel.

È necessaria un’assicurazione per sciare sulle piste del Trentino?
Si, in base al D.lgs 40-2021, a partire dall’01/01/2022 lo sciatore che utilizza le piste da sci alpino dovrà possedere una assicurazione in corso di validità che copra la propria responsabilità civile per danni o infortuni causati a terzi (sarà possibile acquistarla anche contestualmente allo skipass).

È obbligatorio indossare il casco mentre si scia?
In base al D.lgs 40-2021, a partire dall’01/01/2022 sarà fatto obbligo ai soggetti di età inferiore ai 18 anni di indossare un casco protettivo nell'esercizio della pratica dello sci alpino e dello snowboard, del telemark, della slitta e dello slittino.



Cultura e tempo libero

È necessario il Green Pass per accedere a musei, cinema e teatri?
Si, fino al 5 dicembre sarà necessario esibire il Green Pass attualmente in vigore. A partire dal 6 dicembre sarà richiesto il Green Pass Rafforzato per l'accesso a musei, cinema, teatri, sale concerto, live club, gallerie, biblioteche e altri luoghi di cultura con modalità di fruizione sicura.
 
È necessario il Green Pass per accedere a negozi e centri commerciali?

No, non è necessario per accedere a negozi e centri commerciali, ma è necessario per accedere ai servizi di ristorazione per consumo al tavolo al chiuso presenti nei centri commerciali.
 
Posso svolgere liberamente attività sportiva all’aperto?
Sì, è possibile svolgere attività sportiva all’aperto, anche di squadra e di contatto. Per l’attività motoria individuale va rispettata la distanza minima di un metro e per l’attività sportiva individuale va rispettata la distanza minima di 2 metri; è bene comunque evitare gli spazi troppo affollati.

È necessario il Green Pass per accedere ai mercatini di Natale?
Si, il Green Pass Base è richiesto per accedere ai Mercatini di Natale del Trentino.

Per ciascun Mercatino sono previste regole specifiche per evitare assembramenti e per favorire accessi veloci e sicuri.

Spostamenti e mezzi di trasporto

È necessario il Green Pass per viaggiare sui mezzi pubblici?
Fino al 5 dicembre sarà necessario esibire il Green Pass attualmente in vigore per viaggiare su treni impiegati nei servizi di trasporto ferroviario passeggeri di tipo Intercity, Intercity Notte e Alta Velocità. Sarà richiesto anche su autobus adibiti a servizi di trasporto di persone effettuati su strada in modo continuativo o periodico su un percorso che collega più di due regioni e su autobus adibiti a servizi di noleggio con conducente.

A partire dal 6 dicembre sarà richiesto il Green Pass Base per viaggiare sui suddetti mezzi di trasporto come anche sul trasporto ferroviario regionale, trasporto pubblico locale (autobus, pullman e metropolitane).

Numeri utili

Quali sono i numeri da chiamare per avere informazioni e chiarimenti?
In Trentino, è stato riattivato il numero verde 800 867 388 che risponde dalle 8 alle 18 dal lunedì al venerdì, festivi esclusi, alle domande e alle chiamate di chi ha bisogno di chiarimenti rispetto agli spostamenti da e per l'estero, le modalità di quarantena e altre informazioni utili.

Il numero Covid verde nazionale attivo 24 su 24 per ogni cittadino risponde al 1500. Il numero unico per le emergenze, il 112, deve essere contattato per emergenze di altro genere.

Il 116117 è il nuovo numero unico europeo per l'accesso alle cure mediche non urgenti e ad altri servizi della sanità trentina. È gratuito, attivo H24 , sette giorni su sette.

Iscriviti alla newsletter