Trenitalia riduce le frequenze delle Frecce fino al 30% dell’offerta pre Covid

6 novembre 2020
Trenitalia taglia la programmazione delle Frecce in linea con ” la reale domanda di trasporto nel contesto sanitario in costante evoluzione”, fino ad arrivare a operare soltanto il 30% delle corse pre-Covid, dal 14 novembre.
Lo ha spiegato l’amministratore delegato di Trenitalia, Orazio Iacono, nella sua audizione alla Commissione Trasporti della Camera dei Deputati del 5 novembre, il cui contenuto è riassunto alla pagina web FSNews. Dallo scorso 4 novembre, sono 190 le Frecce Trenitalia in circolazione, 28 corse in meno rispetto alla precedente offerta – per un volume complessivo di collegamenti pari al 67% dell’offerta pre-Covid.
Nel mese di ottobre il calo generale della domanda è stato di circa il 65% rispetto allo stesso periodo del 2019 e ha raggiunto l’80% a inizio novembre.

All’orizzonte quindi altre rimodulazioni dell’offerta: ”Stiamo valutando ulteriori step e dall’8 e 9 novembre prevediamo la cancellazione di altre 50 corse, sempre delle Frecce, garantendone 140 al giorno, che rappresentano il 50% dell’offerta pre-Covid.” Così Iacono che non esclude una revisione dell’offerta ancora a metà novembre. “Stiamo valutando un terzo step a partire dal 14 novembre, per portare l’offerta a 78 Frecce al giorno, che corrisponde al 30% di quella pre-Covid”.


Leggi l'intero articolo cliccando qui
Iscriviti alla newsletter