Aggiornamenti e notizie dal mercato russo
Indicazioni aggiornate al 15 aprile 2021


SITUAZIONE GENERALE

In Russia, dove il 14 aprile sono stati registrati poco meno di 9000 nuovi contagi, di cui il 22% a Mosca e il 7% a San Pietroburgo, la curva si conferma in discesa. I moscoviti vaccinati con la prima dose di vaccino hanno intanto superato il milione, come ha annunciato giovedì scorso il sindaco Sergei Sobyanin, precisando che “circa il 45% dei vaccinati sono over60, per i quali la protezione è più importante". 

Nel contrasto alla diffusione del virus nel Paese, dove finora sono stati effettuati oltre 124,7 milioni di test di laboratorio in 1.076 strutture sia pubbliche che private, si punta ora su una maggiore capillarità dei test. 


Relativamente alla campagna di vaccinazione, alla data del 15 aprile sono state somministrate un totale di 15,1 milioni di dosi, di cui 9,4 milioni di prime dosi e 5,6 milioni di seconde dosi, il che significa che il 3,9% della popolazione è già completamente vaccinata, mentre i 6,5% è in attesa della seconda dose.

Sotto il profilo economico, si segnala come il Fondo Monetario Internazionale abbia rivisto le proprie previsioni relative alla crescita del PIL che, anziché del 3%, potrebbe essere del 3,8% nel 2021. L'inflazione dovrebbe invece raggiungere il 4,5%, per poi scendere al 3,4% nel 2022. Anche la disoccupazione, attualmente al 5,4%, nel 2022 dovrebbe tornare al 5%.


 
 

SITUAZIONE VIAGGI E TURISMO


  • QUADRO EPIDEMIOLOGICO: Andamento stabile dei contagi quotidiani che si mantengono sotto quota 9000.
  • SITUAZIONE VIAGGI: Incremento della frequenza dei collegamenti verso destinazioni molto richieste (Seychelles), associato tuttavia alla riduzione (Turchia) o interruzione (Tanzania) di quelli verso altre. Possibile riattivazione di voli diretti S7 per la Croazia da fine aprile. Possibile riapertura senza limitazione al numero di arrivi da parte della Grecia dal 14 maggio. 
    Dal 15 aprile tutti i cittadini russi che fanno ingresso nella Federazione Russa con qualsiasi tipo di trasporto (in precedenza questa regola si applicava solo agli arrivi in aereo) devono compilare un questionario sul portale dei servizi statali EPGU, entro tre giorni dalla data di arrivo effettuare un test PCR e caricarne i risultati sul portale e osservare la quarantena nel luogo di residenza fino all'ottenimento del risultato.
    Sulla base del DPCM 2 aprile 2021, fino al 15 maggio le autorità italiane, includendola tra i Paesi della lista “E”, oltre alla compilazione di un’autodichiarazione nella quale si deve indicare la motivazione che consente l’ingresso, richiede a quanti provengano dalla Federazione Russa di  presentare l'esito negativo di un tampone (molecolare o antigenico) effettuato nelle 48 ore prima dell'arrivo, di osservare a prescindere dall’esito del test molecolare o antigenico la quarantena per un periodo di 10 giorni e, al termine dei 10 giorni, di sottoporsi ad ulteriore test. 
  •  VOLI: Aeroflot garantisce due voli settimanali (giovedì e sabato) da Mosca per Roma e Milano. S7, che effettua collegamenti A/R per Roma (martedì), Milano (mercoledì) e Verona (sabato), dal 3 maggio attiverà anche i collegamenti per Bologna e da giugno quelli per Catania, Napoli e Olbia. Pobeda ha riattivato i voli da Mosca su Bergamo che vengono operati il venerdì. 

  

Il governo ha approvato misure aggiuntive di sostegno all’industria dei viaggi per l'anno 2021, tra cui la cancellazione dei contributi al fondo di riserva e la riduzione dei contributi al cosiddetto fondo di responsabilità individuale, come confermato dal Primo Ministro Mikhail Mishustin.



Flash news trasporti e Tour Operator

  • S7 AIRLINES a marzo ha mantenuto una posizione di leadership tra le compagnie russe in termini di traffico passeggeri, avendone trasportati oltre 1,3 milioni (il 32% in più rispetto allo stesso mese del 2020). 
    Nella stagione estiva S7 opererà voli verso 130 destinazioni, concentrandosi su quelli per la Crimea e la regione di Krasnodar, che si confermano destinazioni-chiave per le vacanze delle famiglie. 
    Il vettore ha inoltre iniziato la vendita dei voli settimanali da Mosca verso Italia (Bologna), Grecia (Heraklion), Germania (Hannover e Colonia), Irlanda (Dublino) e Bulgaria (Varna).
  • TUI RUSSIA: Il gruppo TUI ha venduto l’ultima quota (il 10%) di TUI Russia alla KN-Holding di proprietà della famiglia Mordaschow, che ne deteneva già il 90% e che, con una quota del 30,1%, è anche il maggiore azionista dell’intero gruppo. TUI Russia, il cui fatturato nel 2019 si attestava intorno agli 800 milioni di euro, ora attuerà una strategia autonoma, utilizzando però ancora il marchio TUI.
  • TO VARI: Con la chiusura dei collegamenti con la Tanzania e la riduzione di quelli con la Turchia, i TO russi sono alla ricerca  di destinazioni alternative. Andrey Ignatyev, presidente dell'associazione di categoria, che ritiene che Grecia, Tunisia e Egitto potrebbero essere delle valide alternative, ha fatto pressione sul governo, affinché valuti la riapertura di corridoi con altre destinazioni, in modo che nel periodo estivo possano essere attivati i voli charter.
  • AEROFLOT segnala come, da quando il 2 aprile è decollato il primo volo per le Seychelles, vi siano state così tante prenotazioni per questa destinazione, da avere interi aerei al completo in aprile e maggio e pochissimi posti ancora liberi per giugno. Aeroflot ha così portato la frequenza dei voli a due a settimana (anziché uno), cosa che appare però insufficiente per far fronte alla domanda attuale.

     


    Flash news Ucraina

In Ucraina, dove il numero giornaliero di nuovi casi continua a salire e quello dei decessi ha ormai superato quota 32mila, il governo ha deciso di prorogare il lockdown fino al 30 aprile. Il sindaco di Kiev Vitali Klitschko, annunciando la decisione, ha precisato che “non c'era altra scelta, in quanto il sistema sanitario non sarebbe in grado di fronteggiare un ulteriore aumento dei ricoveri”.

Sul fronte vaccinazioni, il numero di dosi somministrate finora è pari a 419.300 e la percentuale dei vaccinati si attesta allo 0,96% della popolazione.


Relativamente al settore turistico si segnala come Ryanair in estate preveda di operare 37 voli a settimana da Leopoli verso altrettante destinazioni. Quelle italiane sono Bari, Napoli, Palermo, Pisa, Torino e Venezia che andranno ad aggiungersi ai collegamenti per Bergamo, Bologna e Roma.

Intanto agenzie di viaggio e TO segnalano un notevole calo delle vendite, che nell’ultima settimana sarebbe stato addirittura del 18%. Secondo il direttore dell’associazione di categoria, la situazione resta tuttavia meno grave di quella dello scorso autunno.
 




FONTE: TMI Consultancy

 

Iscriviti alla newsletter