OVERVIEW RUSSIA

20 luglio 2021
Aggiornamenti e notizie dal mercato russo
Indicazioni aggiornate al 20 luglio 2021


SITUAZIONE GENERALE

La ripresa economica  della Russia (domanda dei consumatori e imprese) è in costante miglioramento dall'inizio dell'anno, le previsioni sono positive per il ritmo sostenuto di ripresa, con una attenuazione graduale verso la fine dell'anno e fino al 2022. L’attuale ondata di aumenti di contagi in alcune città del Paese difficilmente spingerà il governo ad ulteriori restrizioni  che avrebbero  un  impatto  sulla domanda, consentendo all'economia di tornare  ai livelli pre-pandemia entro la fine dell'anno. Tuttavia, le limitazioni strutturali storiche e quelle legate alla crescita salariale e agli investimenti limiteranno probabilmente il potenziale di crescita nel corso del 2022.

Il PIL russo nel  primo trimestre del 2021 è diminuito solo dello 0,7% a/a, il che è un miglioramento rispetto al trimestre precedente e migliore del PIL della maggior parte dei mercati in tutta Europa, con ulteriori miglioramenti nel secondo trimestre.

Il tasso di inflazione della Russia è salito a un nuovo massimo da cinque anni nel corso del mese di giugno, mentre il Paese lotta con l'impennata dei prezzi che minacciano di far deragliare la ripresa economica. L'attuale  tasso di inflazione del 6,5%,  è il tasso più  veloce di  aumento dei prezzi da agosto 2016. La Banca centrale prenderà  in  considerazione un altro forte rialzo dei tassi d'interesse al 5,75-6,5% con  l'obiettivo di controllare l'inflazione.

La disoccupazione ha continuato a diminuire costantemente nel primo quadrimestre, al 5,2% in aprile e sostiene la fiducia dei  consumatori. Tuttavia,  i redditi reali sono diminuiti nel primo trimestre del 3,6% a/a, peggiorando la già notevole contrazione del 2020. La ripresa del settore dei servizi nel primo quadrimestre, unita ad una solida ripresa della fiducia delle imprese,  che è ai massimi livelli da otto anni a maggio, dovrebbe garantire una ripresa degli investimenti e quindi una crescita dei redditi.

La Russia ha registrato
24.655 nuovi casi di coronavirus il 19 luglio,  di cui  4.007 a Mosca. Mosca e la sua regione rappresentano il 26% dei nuovi casi (6.511) , seguiti da San Pietroburgo con l'8% (1.938 nuovi casi).

Poiché a Mosca la situazione epidemiologica si sta stabilizzando, a partire dal 19 luglio non sarà più necessario esibire  “il codice QR” (cioè, il certificato di vaccinazione, il certificato di guarigione o un tampone negativo), per entrare al ristorante o bar. Inoltre  i locali possono di nuovo tenere aperto anche di notte.
Dal 13 luglio le autorità di San Pietroburgo hanno deciso invece di vietare gli incontri di oltre 75 persone a causa dell’aumento dei casi dovuti  probabilmente alle partite ospitate durante gli Europei.

Sul fronte vaccinazione, probabilmente non si riuscirà a raggiungere  l'obiettivo di copertura del 60% della popolazione entro l’autunno. A fine giugno circa 20,7 milioni di persone hanno ricevuto la prima dose e 16,7 milioni hanno ricevuto le due dosi,  cioè solo il 12%  della popolazione. Ciò è dovuto principalmente alla mancanza di fiducia nella sicurezza del vaccino creato dalle fake news sui social media.

 

SITUAZIONE VIAGGI E TURISMO


  • QUADRO EPIDEMIOLOGICO: Allentamenti dal 19 luglio a Mosca, aumento dei contagi a San Pietroburgo.
  • SITUAZIONE VIAGGI: Corridoi di viaggio disponibili con varie destinazioni extraeuropee ed europee. Dal 7 luglio, i russi, non vaccinati o senza certificato di guarigione recente,  di ritorno  dall'estero  dovranno osservare un periodo di autoisolamento finchè non avranno un test negativo.  
    Dal 28 giugno 2021 la Russia ha riaperto le frontiere ai cittadini italiani anche per motivi turistici. Coloro che arrivano dall'estero devono presentare un test molecolare PCR effettuato a mezzo di tampone non più di 72 ore prima dell’ingresso in Russia.
    L’Italia include la Federazione Russa tra i Paesi della lista “E”, dove non è ammesso ingresso per motivi turistici fino al 31 luglio. Informazioni  disponibili al seguente link: https://www.trentinomarketing.org/it/trentino-suite/restart-riaprire-preparati-e-informati/arrivare-in-trentino-info-utili/
  •  VOLI: Riattivazione di corridoi di viaggio con ulteriori destinazioni extraeuropee ed europee. Sono 44 le destinazioni che hanno collegamenti aerei con la Russia, 31 destinazioni possono essere visitate per scopi turistici e 23 Paesi hanno voli diretti disponibili per i turisti, ma l'Italia non è inclusa nell'elenco (Turchia, Cipro, Cuba, Egitto, Grecia, Maldive, Serbia, Emirati Arabi Uniti ecc.). Ripresa  dei voli regolari verso Milano, Venezia, Napoli, Roma da Mosca. 

  

Nonostante le maggiori compagnie aeree (Aeroflot , S7) abbiano aperto le  rotte per l’Italia e Pobeda stia programmando i charter, il divieto di ingresso per scopi turistici rimane fino al 31 luglio. Il premier  Mario Draghi ha comunicato che la decisione di porre fine o estendere il regime di emergenza sarà presa verso la fine di luglio. 

Secondo l'ambasciatore italiano in Russia, le frontiere si apriranno solo quando la pandemia sarà sotto controllo, ossia con almeno il 70% della popolazione vaccinata. L'Italia non prevede ad oggi di riconoscere il vaccino  "Sputnik V" tramite accordi  bilaterali, come  invece  fatto da alcuni Paesi (es. Ungheria e Grecia), ma seguirà le indicazioni dell'Agenzia europea del farmaco (Ema).

La possibilità di organizzare voli "covid-free" tra i due Paesi sarà possibile solamente quando  ci sarà una situazione epidemiologica stabile in Russia. Attualmente i viaggiatori russi raggiungono l’Italia attraverso un  Paese terzo, (es Croazia o Grecia), nonostante le agenzie turistiche avvertono i propri clienti  che il visto può essere annullato per violazione  delle norme UE.

Flash news trasporti e Tour Operator

 

Flash news Paesi CSI, Paesi Baltici


Kazakistan
In via di definizione un volo tra Milano e Almaty
Il 6 luglio una delegazione di imprenditori e tour operator italiani è arrivata ad Almaty da Milano per esplorare opportunità di sviluppo, cooperazione e turismo con il Kazakistan. Durante la visita ufficiale è stata discussa anche l'apertura di un volo diretto tra Milano e Almaty.

Georgia
Wizz Air torna in Georgia
Dal 1° luglio, la compagnia aerea low cost ungherese Wizz Air ha ripristinato il suo hub all'aeroporto internazionale georgiano di Kutaisi. La compagnia opererà voli su  6 destinazioni -  Milano, Praga, Atene, Salonicco, Larnaca, Memmingen. A causa della situazione epidemiologica e delle restrizioni imposte dai Paesi europei, i voli per Kutaisi avranno una frequenza regolare, presumibilmente a partire dalla stagione invernale.


Paesi Baltici
Lettonia: Air Baltic lancia voli Riga-Napoli
Il 18 giugno la compagnia aerea lettone Air Baltic ha lanciato nuovi voli di linea tra Riga e Napoli in Italia. I voli tra Riga e Napoli sono operati due volte a settimana dall'airbus A220-300. La tariffa più bassa per un biglietto di sola andata parte da 79 Euro.

Estonia: nuovi voli regolari e charter dall'aeroporto di Tallinn
Con la revoca delle restrizioni, le compagnie aeree stanno riprogrammando i voli. I turisti estoni potranno volare direttamente verso 26 destinazioni e verso 14 destinazioni con voli charter dall'aeroporto di Tallinn nel corso dell’estate. Oltre agli attuali 22 voli, sono state aggiunte quattro nuove destinazioni, tra le quali Bruxelles, Zurigo e  Roma  dal 2 luglio. Ora ci sono 5-6 voli a settimana che operano da Tallinn a Milano da Ryanair e WizzAir. Inoltre, sono in corso voli charter per Turchia, Grecia, Bulgaria, Tunisia, Cipro, Portogallo e Georgia.


 


FONTE: TMI Consultancy

 

Russia
Scegli una sottovoce di menù
Iscriviti alla newsletter