Le “travel bubbles” e i “ponti aerei”

25 maggio 2020
Il Governo Britannico sta studiando la possibilità di introdurre particolari corridoi di viaggio, “travel bubbles” (bolle di viaggio) e "ponti aerei" per permettere ai propri cittadini di viaggiare all’estero in alcune destinazioni “sicure”. I blocchi in Europa vengono lentamente revocati e qui nasce l’idea di consentire alle persone provenienti da paesi con bassi livelli di infezione, di viaggiare liberamente, senza l'obbligo di sopportare una quarantena di 14 giorni a destinazione.

Leggi la notizia in lingua originale cliccando qui
Regno Unito
Scegli una sottovoce di menù
Iscriviti alla newsletter