Prime azioni legali per Ischgl

26 agosto 2020
Presto verranno presentate al tribunale regionale di Vienna le prime azioni legali per il risarcimento dei danni subìti da parte dei contagiati di Ischgl. Tra questi ci sono tedeschi morti di coronavirus o, come nel caso di un turista renano, chi dopo una lunga degenza in terapia intensiva ha dovuto affrontare gravi conseguenze fisiche. “In alcuni casi la richiesta di risarcimento arriva a 100.000 euro", ha dichiarato Peter Kolba, referente dell’associazione austriaca per la tutela dei consumatori alla stampa tedesca. A suo parere si sarebbe reagito tardi e non adeguatamente allo scoppio della crisi, diffondendo così da Ischgl, nota in particolare per l’après-sci, in altri 45 Stati il virus. Degli oltre 6000 turisti recatisi in Tirolo, molti dei quali tedeschi, che si sono rivolti a Kolba in quanto parte lesa, circa 1000 avrebbero già deciso di partecipare al procedimento. Kolba sostiene che il contagio di un italiano residente a Monaco di Baviera, recatosi il 12 marzo nella città per un breve incontro di lavoro, confermi come bastasse un pranzo di lavoro per venir contagiati.


Leggi la notizia in lingua originale cliccando qui (notizia disponibile con abbonamento FVW)


Austria e Svizzera
Scegli una sottovoce di menù
Iscriviti alla newsletter