tmnews
febbraio
Verona: aeroporto di punta per il Nord Est
Ampiamente positiva la chiusura di bilancio del sistema aeroportuale italiano e del polo aeroportuale del Nord Est

Assaeroporti ha diffuso i dati di traffico 2018 del Sistema aeroportuale italiano. Gli ottimi risultati confermano il trend degli ultimi quattro anni e vedono una crescita del 5,9% del numero di passeggeri per un totale di 185,7 milioni di unità.

La crescita italiana, superiore alla media europea, denota un mercato appetibile in un contesto molto competitivo. Tra i vari elementi del Sistema si è distinto il polo aeroportuale del Nord Est (Venezia-Treviso-Verona-Brescia), che con una crescita del numero di passeggeri dell’8,9% eccede di tre punti percentuali la media nazionale.

Il miglior risultato è stato ottenuto dall’aeroporto di Verona che con 3,5 milioni di passeggeri (+11,6%) è in crescita costante da quasi tre anni. Il Marco Polo di Venezia ha invece raggiunto il record di 11,2 milioni di passeggeri (+7,8%).
Entrambi gli aeroscali, con circa 50 vettori e 100 destinazioni ciascuno, hanno visto importanti investimenti e la realizzazione di nuovi collegamenti e linee a lungo raggio e l’intensificazione delle principali direttrici.

Buona anche la performance dell’aeroporto Canova di Treviso +9,7% con 3,3 milioni di passeggeri e segno leggermente negativo per l’aeroporto di Brescia a causa della chiusura tra agosto e settembre per lavori, con trasferimento delle attività su Verona.
Si segnalano infine anche i dati positivi degli aeroporti di Bergamo (+4,9%) e Bologna (+3,8%).

Gli ottimi risultati conseguiti confermano l’efficacia del Sistema, la cui gestione coordinata è mirata a sviluppare le potenzialità dei singoli aeroporti e servire in modo sinergico il territorio

Leggi qui i dati del traffico aeroportuale 2018


Iscriviti alla newsletter