2021
8-12 settembre
Gli Europei di Ciclismo chiudono la magica estate delle due ruote in Trentino
I Campionati Europei di Ciclismo su strada Trentino 2021 hanno chiuso in bellezza la stagione delle due ruote in Trentino. Trento e il suo territorio (fino al Monte Bondone e alla Valle dei Laghi) hanno regalato cinque giorni di grandi emozioni e di straordinaria visibilità internazionale.
L’evento ha avuto un’esposizione mediatica di grande importanza stimolando flussi turistici tornati finalmente ai ritmi abituali dopo i lunghi mesi di stop forzato a causa del Covid.


Un successo figlio di un efficace gioco di squadra tra APT di Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi, Trentino Marketing, Comune di Trento e Provincia Autonoma che si sono uniti, sin dal 2018, nell’organizzazione delle diverse fasi.
Determinante l’ausilio dei Vigili del Fuoco, Guardia di Finanza e Polizia di Stato che, con il coordinamento della Questura, hanno saputo mettere in sicurezza un evento di questa portata.
Una doverosa menzione va inoltre fatta a tutti i volontari e gli Alpini che con passione e volontà si sono messi a disposizione del Comitato Organizzatore presidiando il territorio e i punti strategici.


Con 71 Paesi collegati, una copertura Tv di 20 ore di cui 13 in diretta, i Campionati Europei 2021 hanno superato il record delle scorse edizioni. In Italia Rai Sport e Rai Due hanno trasmesso in diretta la manifestazione mentre Eurosport ha portato il segnale in Europa e in alcuni Paesi extra-europei. Ottimi gli ascolti della domenica per la gara in linea élite maschile, la gara regina degli Europei, che su Rai Due ha raggiunto punte di share dello 6,59%. Diverse le emittenti estere che hanno acquisito i diritti di trasmissione dell’evento, con ore di diretta e approfondimenti dedicati: VRT (Belgio), TV2 (Danimarca), ETV (Estonia), L’Equipe (Francia), Nos (Paesi Bassi), NRK (Norvegia), TVP (Polonia), RTVS (Slovacchia).

Non solo Tv. Il Web ha confermato il trend positivo rispetto alle ultime edizioni e ha visto implementare la produzione dei canali specializzati e i contatti raggiunti. Ottime le statistiche degli account ufficiali degli Europei (@EuroRoad2021Trentino), che certificano come centinaia di migliaia di utenti abbiano seguito e interagito sui social media con i contenuti proposti. In loco si sono accreditati circa 130 giornalisti (equamente divisi fra nazionali ed esteri) e complessivamente sono stati rilasciati circa 2000 accrediti comprendenti tecnici, operatori, personale legato all’organizzazione, autorità ecc.

Anche dal punto di vista tecnico è stata un’edizione da record. Con cinque giornate di gara e tredici titoli in palio (sei per gli uomini e sei per le donne), sono stati 800 i corridori al via per 39 nazioni rappresentate sostenuti da circa 400 accompagnatori. Al via della corsa sono stati molti gli atleti di alto profilo che hanno dato lustro a questi Europei: da Remco Evenpoel a Tadej Pogacar, da Peter Sagan a Filippo Ganna o il vincitore della gara domenicale, Sonny Colbrelli. L’organizzazione ha saputo eseguire 2.726 test rapidi per creare una bolla di massima sicurezza per gli atleti e tutte le componenti.

Trento e i territori limitrofi hanno vissuto con trasporto e passione le giornate di gare. Nel centro del capoluogo sono stati organizzati 22 eventi nell’arco di 8 giorni che hanno proiettato le vie del centro in un clima europeo grazie a incontri, mostre e momenti dedicati alla rassegna continentale. L’occupazione alberghiera ha fatto registrare un incremento su Trento del 20% grazie a circa 20.000 presenze, mentre sui territori limitrofi l’aumento percentuale è stato del 15%. Spettacolari e iconiche le immagini degli arrivi su Piazza Duomo da via Belenzani a tal punto da essere scelte anche da Sportweek per il suo “click della settimana”.


Iscriviti alla newsletter